Resina

Ovvero quali sono i vantaggi e gli svantaggi nell'utilizzare la resina come finitura per una credenza
Madia con cassetti ed ante in legno rigenerato con struttura ricoperta di resina grigia.
Credenza Artica 2015
Credenza lunga con struttura in MDF ricoperto di resina color ocra per legno. I frontali dei cassetti, le porte e la botola sono in legno vintage rigenerato.
Credenza Ocra 2015
Superfici materiche

Cos'è la resina?

La finitura in resina è fatta a mano, colorata o decorata da noi: effetto cemento, bianco-sporco e madreperla, nero sfumato, ocra, terre e pigmenti.

La resina è un particolare microcemento che rende la superficie molto più materica al tatto. Ogni colpo di spatola o pennello produce un effetto unico, che viene poi esaltato dalle velature di colore che vengono fatte successivamente.

Non aver paura dei graffi

Durezza e durata

La resina è molto dura e resistente agli urti e alle abrasioni, per questo può essere impiegata anche per mobili da cucina e piani di lavoro. È lavabile con acqua e detersivi.

I piccoli graffi che inevitabilmente l’uso del mobile può comportare si confondono nei colori sfumati, ma non preoccupatevi: è sempre possibile ritoccare e ripristinare una finitura fatta a mano.

Madia moderna con ante in legno massello, lavagna, legno riciclato.
Credenza Cemento con Turchese 2017
Madia per soggiorno con struttura in MDF laccato celeste e legno di recupero.
Credenza Narnia 2017

In fase di verniciatura prediligiamo prodotti con solventi ad acqua, resistenti e atossici. La finitura delle superfici avviene con la stesura, a pennello o rullo, di almeno tre mani di vernice, alternate a carteggiature con grane sempre più sottili. In alternativa realizziamo finiture con resine acriliche o laccature in poliestere.

Credenza rettangolare struttura in legno ricoperto di resina e frontali in legno di recupero bonificato. Su misura.
Cassettone Chiave 2014
Madia artigianale rettangolare con struttura bianca, cassetti e ante in legno vintage giallo canarino e azzurro. Un’anta circolare.
Nessuno è perfetto

Un limite

La resina, proprio perchè stesa a mano, non produce mai una superficie perfettamente liscia e uniforme come quella delle laccature: se questo fosse un problema per voi riteniamo più saggio utilizzare la laccatura.

Le resine decorative

“Muffe Sognanti”

La maggior parte delle finiture viene realizzata da noi, ma per quanto riguarda le resine collaboriamo da tempo con una bravisima decoratrice romana, Daniela Argenti, che nel suo sito ha un campionario di finiture molto vasto. Potete sceglierne una per realizzare la vostra credenza.

E’ stata lei ad insegnarci l’impiego della resina in tutte le sue possibilità. Daniela ha realizzato la credenza “Muffe Sognanti”, “Graffi”, “Coccodrillo Rosso”, e diversi altri modelli. Quando si sceglie una finitura di Daniela, il mobile è firmato da entrambi: a volte è lei a venire nel nostro laboratorio, altre sono i mobili ad andare nel suo.

Credenzina con due cassetti e un’anta in legno di recupero. Modello fatto a mano da Laquercia21
Muffe Sognanti 2014
Credenza 3 ante ricoperte di resina e struttura in legno usato.
Credenza Graffi 2014
Credenzina con struttura color ocra. Sportelli e vano superiore in legno di recupero restaurato.
Credenza Ocra Piccola 2017
Madia per soggiorno con struttura in MDF laccato celeste e legno di recupero.
Credenza Narnia 2017

Un’altra possibilità che avete nel progettare la vostra credenza è di inserire scritte e illustrazioni su sportelli, frontali dei cassetti, o magari, perchè no, sul top

L’intervento può anche essere minimo e limitarsi ad un frammento, una piccola evocazione ben mimetizzata, oppure può creare una texture per l’intero mobile.

Collaborazioni e artisti

La credenza come un foglio bianco

Daniela Pareschi ha realizzato per noi una piccola serie di “Pupazzi” con le sue illustrazioni. In questo caso i suoi disegni trovano il proprio prolungamento nelle maniglie degli sportelli.

Interpretare una credenza come un foglio bianco da disegnare apre la porta a numerose contaminazioni con la pittura e l’arte in genere: la nostra collaborazione con Marzia Spinetti, artista contemporanea romana, è una di queste.

Collezione Daniela Pareschi 2015
Collezione Daniela Pareschi 2015
Credenza bassa, modulo tv per salotto in legno riciclato
Coriandolo 2017
Carrello libreria con ruote. Legno coperto di resina grigia e sportellone in diversi tipi di legno vintage colorato
Camillo Libreria Carrello
Una libreria carrello

Camillo

Camillo è una credenza ibrida: un po’ bancone, un po’ contenitore, un po’ libreria. É dotato di ruote ed è sfruttabile a 360 gradi, con vani chiusi e vani a giorno.

La finitura è realizzata con resina sulle tonalità polverose del nero lavagna.

Scegliete voi gli ingredienti.

Il nostro è un catalogo aperto che può fornirvi elementi utili.
Partite da un’idea già realizzata, mescolate i vari ingredienti
(forme, concetti, finiture, essenze, legni di recupero, etc.)
per arrivare al vostro progetto “su misura”.

Dimensioni dell’oggetto

Stabilisci le dimensioni del mobile in base alle tue esigenze: altezza, larghezza e profondità.

Altre necessità

Definisci gli spazi interni, cassetti, sportelli, che ritieni più opportuni per le tue necessità.

Il modello

Scegli il modello di riferimento dal nostro catalogo. Ci servirà per ideare il tuo mobile.

Scelta dei materiali

Quali finiture preferisci? Puoi scegliere tra diversi legni, maniglie, colori, finiture e altro.

Le immagini della stanza

Inviaci immagini e dimensioni dell’ambiente della casa in cui il mobile verrà collocato.

Budget

Decidiamo insieme il budget che si intende destinare per la realizzazione del mobile.

Al resto pensiamo noi!

Realizziamo una prima bozza di progetto con un disegno in 3D
per avere una visione generale del mobile desiderato;
formuliamo inoltre delle proposte alternative
cercando il giusto equilibrio tra le richieste del cliente e la funzionalità del progetto.

Serve aiuto?

Per avviare una coprogettazione o richiedere info e preventivi