Questo sito utilizza cookie, sia propri, sia di terze parti, per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Nati dalla collaborazione con l'architetto Settimio Belelli, questi tre mobili bagno, completi di cassetti,  specchiere e vari complementi d'arredo, sono una revisitazione in chiave contemporanea di modelli classici, “vestiti” da un patchwork di legni di recupero.

2017 // arch. Settimio Belelli 2017 // arch. Settimio Belelli         2017 // arch. Settimio Belelli 2017 // arch. Settimio Belelli

2017 // arch. Settimio Belelli2017 // arch. Settimio Belelli

La loro ambientazione, piuttosto romantica, è uno splendido casale in Val d'Orcia. 

Siamo partiti dai progetti disegnati e colorati a mano da Settimio (che oltre a essere simpaticissimo ha secondo me gran gusto e idee d'arredo veramente belle o originali) e abbiamo selezionato una serie di legni che potessero sposarsi con le tonalità “terrose” delle pareti e con i colori delle mattonelle artigianali. 

É stato bello cimentarsi, dopo tanta falegnameria moderna, in tecniche di ebanisteria: modanature, rastremature, scassi a scalpello per vecchie cerniere, perfino elementi di intaglio.

In uno dei tre bagni abbiamo realizzato anche una cassapanca, anch'essa citazione di modelli rurali classici e anch'essa rivestita con lo stesso patchwork di legni usato per il mobile lavabo.

2017 // arch. Settimio Belelli 2017 // arch. Settimio Belelli    Cassapanca Gina 2017 // arch. Settimio Belelli Cassapanca Gina 2017 // arch. Settimio Belelli

2017 // arch. Settimio Belelli 2017 // arch. Settimio Belelli

Siccome costruendola mi sono ricordato di una cassapanca realizzata insieme al mio maestro di tanti anni fa Gino Meoni, nella didascalia della foto l'ho chiamata “Gina”, in suo onore...

Nello stesso casale abbiamo realizzato, sempre su disegno dell'architetto Belelli, una piattaia in stile rurale tradizionale, ma sovvertendo completamente le regole! 

Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli

Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli




Ogni colonnina verticale divisoria è un elemento diverso: zampe di sedie, cornici, listelli di mobili; tra le tonalità chiare spiccano tocchi di rosso, viola e magenta, mentre la schiena del mobile è una lastra di rame ossidato.

La piattaia è completa di un cassettino in rame per svuotare l'acqua accumulata dallo sgocciolio, e di un vano per bicchieri e tazze.

Aggiungo in conclusione che lavorare sotto l'ombra di querce secolari nella campagna toscana è stato un vero piacere!
(Nicola Gubiotti)






Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli

Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli Piattaia 2017 // arch. Settimio Belelli



Condividi